Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
oppure su OK per continuare la navigazione
Area Archeologica di Gabii
L’area archeologica dell’antica città latina di Gabii è localizzata a circa 20 chilometri a est di Roma, al XII miglio della via Prenestina antica, sul ciglio meridionale di un cratere vulcanico, occupato sino alla fine del XIX secolo da un lago noto come "lacus Buranus" o "lacus Sanctae Praxedis", o ancora come lago di Castiglione.
L’antico abitato di Gabii si inserisce nello scenario dei grandi centri laziali di epoca protostorica e rientra, unitamente a Tibur e Praeneste, tra le città che controllavano la bassa valle dell'Aniene e gli accessi alla valle del Sacco e del Liri, costituendo pertanto un epicentro politico e culturale di fondamentale rilevanza nel Latium vetus prima dell'ascesa di Roma. 
Gabii costituisce, inoltre, uno dei più significativi e importanti siti archeologici del territorio del Comune di Roma, un ampio settore del quale, comprendente parte dell’antico centro urbano e alcune delle sue più dirette pertinenze - pari a circa 70 ettari - è stato acquisito al Demanio dello Stato e assegnato in uso dal Mibact alla Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma, con l'obiettivo di realizzarne un parco archeologico suburbano.
Il sito di Gabii per le sue caratteristiche rappresenta oggi un contesto di ricerca straordinario: dagli importanti scavi svolti in passato è infatti stato possibile rilevare come, al di sotto del terreno di campagna, siano ancora in gran parte conservate le principali strutture e gli edifici della antica città, poiché successivamente all'abbandono del sito, intorno alla metà dell’XI secolo, l'area non è più stata oggetto di interventi costruttivi e di trasformazione, che nelle zone limitrofe hanno irrimediabilmente cancellato le tracce del passato. Negli ultimi anni le indagini della Soprintendenza Speciale in più punti dell'abitato (cosiddetto foro, area urbana, santuario orientale, fortificazione, cosiddetta regia) e le collaborazioni con importanti enti di ricerca italiani e stranieri (CNR, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici di Matera, Rheinische Friedrich-Wilhelms-Universität Bonn, University of Michigan-Kelsey Museum of Archaeology, Musée du Louvre) stanno consentendo di gettare nuova luce sulla storia e sulle vicende urbanistiche di Gabii, riportandola al centro del panorama archeologico italiano.
 

Informazioni utili

Dove siamo
Roma, Via Prenestina Nuova km 2
 
Come arrivare
Bus: dalla Metro B di Ponte Mammolo prendere i bus Cotral che percorrono la via Prenestina direzione Zagarolo, Palestrina, Genazzano

Calendario di aperture
L'area archeologica di Gabii è temporaneamente chiusa per la generale messa in sicurezza dei percorsi in preparazione della riapertura

Per ragioni di studio o per richieste di chiarimenti è possibile rivolgersi via e-mail ai responsabili del sito:
chiara.andreotti@beniculturali.it
rocco.bochicchio@beniculturali.it
e per conoscenza a
ss-abap-rm.gabii@beniculturali.it

Per approfondimenti
L'area archeologica di Gabii è su Street View 

Responsabili
Architetto Chiara Andreotti
Dottor Rocco Bochicchio

 
Soprintendenza Speciale Archeologia
Belle Arti e Paesaggio di Roma

Piazza dei Cinquecento, 67 - Roma

Copyright 2016 - 2018
Ministero per i beni e le attività culturali

Crediti >