Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
oppure su OK per continuare la navigazione
 
01/05/2020
La Piramide di Caio Cestio, muta testimone di due millenni di storia
Caratterizza il paesaggio urbano tra Ostiense e Testaccio, con le sue pareti di marmo bianco di Carrara è entrata nell’immaginario collettivo. La Piramide di Caio Cestio è l'esempio superstite di monumento funebre ispirato alla moda egizia. Immortalata da paesaggisti, pittori, fotografi, la Piramide è stata ed è molto di più di un monumento lasciato dal passato.
“Il video che le abbiamo dedicato – ha dichiarato il Soprintendente Speciale Daniela Porro – permette di cogliere dei dettagli che rappresentano lo scorrere del tempo, fino ai nostri giorni”.
La Piramide è la muta testimone, come scrive la direttrice del sito Marina Piranomonte, di due millenni di storia che non è stata risparmiata neanche dalla seconda Guerra Mondiale e dai tragici fatti di Porta San Paolo del settembre 1943. Sulla sua superficie di marmo sono ancora visibili molti colpi di arma da fuoco.
#SoprintendenzAperta, la campagna social promossa dalla Soprintendenza Speciale di Roma è l’occasione per conoscere meglio e più da vicino, anche se virtualmente, monumenti, luoghi della cultura e l’insieme del grande patrimonio storico-culturale che rende Roma una città unica. “I contenuti che ogni giorno pubblichiamo sul nostro sito, sulle pagine Facebook e Instagram della Soprintendenza, sono un modo - ha concluso il Soprintendente Speciale Daniela Porro - per restare insieme e, al contempo, per invogliarvi a tornare nei nostri luoghi della cultura appena sarà di nuovo possibile".
Soprintendenza Speciale Archeologia
Belle Arti e Paesaggio di Roma

Piazza dei Cinquecento, 67 - Roma

Copyright 2016 - 2018
Ministero per i beni e le attività culturali

Crediti >