Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
oppure su OK per continuare la navigazione
 
15/10/2021 - 31/10/2021
Inaugurato il Museo Ninfeo
 
Il giardino degli dei, il paradiso degli imperatori: inaugurato il Museo Ninfeo a piazza Vittorio, realizzato dalla Soprintendenza Speciale di Roma e da Enpam.
Una grande opera frutto di ricerca, studi interdisciplinari e collaborazioni di altissimo livello, per creare un nuovo polo culturale nel quartiere Esquilino.
La cerimonia inaugurale ha visto la presenza del Ministro della Cultura Dario Franceschini che ha commentato: Il Museo è il risultato di un ottimo esempio di archeologia preventiva, che coniuga l’esigenza di realizzare opere, infrastrutture e sviluppo urbano con quella di tutelare e preservare il patrimonio archeologico. Questo nuovo luogo di bellezza, inoltre, onora simbolicamente tutti i medici vittime della pandemia. Va a loro il nostro pensiero in questa giornata inaugurale.
Il riferimento è alla stele elettronica che ricorda i nomi di tutti i medici caduti lottando contro il Covid-19.
Un luogo simbolico dove archeologia e cultura si intrecciano con formule per certi versi avveniristiche. 
Il Soprintendente Speciale Daniela Porro ha affermato: È un eccezionale risultato scientifico questo museo porta alla luce uno dei luoghi mitici dell’antica Roma, quegli Horti Lamiani che erano una delle residenze giardino più amate dagli imperatori. L’aspetto virtuoso è la collaborazione tra il Ministero della Cultura ed Enpam, che ha permesso la creazione di un laboratorio di studio per progettare un museo innovativo: non solo la bellezza e la rarità dei reperti, ma a essere esposta è la vera vita della Capitale dell'impero romano.
L'archeologa Mirella Serlorenzi, che ha coordinato per 11 anni gli scavi, lo studio e la musealizzazione, ha aggiunto: Il Museo Ninfeo è un modello di salvaguardia del patrimonio culturale, fondato sulla ricerca multidisciplinare con enti di ricerca e università. I resti archeologici sono inseriti in maniera organica nella struttura contemporanea tornando a nuova vita. – ha spiegato Mirella Serlorenzi, direttore scientifico del progetto – La qualità dei materiali restituiti dagli Horti Lamiani offre una visione unica della Roma classica, dalle architetture monumentali alle sontuose decorazioni, alle vie dei commerci, agli oggetti preziosi e a quelli di uso quotidiano, al cibo, ai giardini e agli animali che vivevano lì, in altre parole si è salvaguardato un contesto eccezionale. Un museo che racconta, anche attraverso emozionanti ricostruzioni, un teatro privilegiato del mondo antico, con tutte le suggestioni che questo luogo può dare.
La sinergia con l'Enpam è stata fondamentale per la realizzazione del progetto di valorizzazione che ha compreso quale fosse il valore aggiunto di poter fruire di un contesto archeologico unico.
Il Museo Ninfeo sarà aperto sabato 30 e domenica 31 ottobre gratuitamente dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. La prenotazione è obbligatoria
Tutte le info saranno disponibili a partire da lunedì 25 ottobre sul sito web dedicato: www.museoninfeo.it 


 
Foto Fabio Caricchia /SsAbap
Soprintendenza Speciale Archeologia
Belle Arti e Paesaggio di Roma

Piazza dei Cinquecento, 67 - Roma

Copyright 2016 - 2018
Ministero per i beni e le attività culturali

Crediti >