Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
oppure su OK per continuare la navigazione
 
09/10/2021 - 10/10/2021
Apriamo la Mineva! Un week-end di visite al Tempio di Minerva Medica
- Avviso al pubblico - per danni provocati dal maltempo le visite sono rinviate

Dopo le Giornate Europee del Patrimonio 2021, la Soprintendenza Speciale, diretta da Daniela Porro, apre al pubblico il cosiddetto Tempio di Minerva Medica sabato 9 e domenica 10 ottobre.
Quattro turni di visite guidate, a cura dell’architetto Alessandra Centroni e dell’archeologa Simona Morretta, che si succederanno dalle 9.30 alle 12.30 per massimo 20 persone per turno.
Il cosiddetto Tempio di Minerva Medica è un edificio risalente ai primi decenni del IV secolo d.C., a pianta centrale decagonale polilobata, con una cupola di 25 metri di diametro. Secondo gli studiosi si tratterebbe di un’aula con una funzione di rappresentanza, forse di proprietà imperiale. L’arditezza architettonica, la peculiare forma e le imponenti dimensioni ne hanno fatto l’oggetto di studi e disegni da parte di artisti e architetti fin dal Rinascimento. Negli ultimi quindici anni, la Soprintendenza ne ha curato il consolidamento e il restauro per la conservazione del monumento, in vista di una prossima fruizione pubblica.
Le visite sono gratuite fino ad esaurimento posti ed è obbligatoria la prenotazione compilando il modulo  
L’accesso è consentito solo con Certificazione Verde Covid-19 (Green Pass) ed è necessario indossare la mascherina
Si consiglia di raggiungere il sito almeno 10 minuti prima dell'inizio della visita in via Giolitti, 166.
Le prenotazioni sono attive fino alle ore 12.00 del 7 ottobre 2021 - Le persone correttamente prenotate riceveranno una email di conferma entro le ore 13.00 del 7 ottobre 2021
In caso di disdetta inviare email a: ss-abap-rm.urp@beniculturali.it
Soprintendenza Speciale Archeologia
Belle Arti e Paesaggio di Roma

Piazza dei Cinquecento, 67 - Roma

Copyright 2016 - 2018
Ministero per i beni e le attività culturali

Crediti >