Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
oppure su OK per continuare la navigazione
Comprensorio Archeologico di Santa Croce in Gerusalemme



L’area archeologica di Santa Croce in Gerusalemme, topograficamente pertinente al Celio, ebbe fin dal IX secolo a.C. una destinazione prevalentemente funeraria. A partire dal V secolo a.C., la zona divenne un importante centro di comunicazione viaria, attraversata da tre grandi strade (Labicana, Prenestina e Celimontana). Inoltre, essendo uno dei punti più alti della città, vi confluirono ben otto acquedotti, tra cui quello Claudio che costituisce la più antica testimonianza monumentale del comprensorio (52 d.C.).
Tra il 42 e il 38 a.C., nell’ambito di un generale riassetto urbanistico dell’Esquilino, Mecenate trasformò quest’area in quartiere residenziale, con l’impianto di grandi villae e domus  private immerse in vasti giardini (horti). In particolare, la zona limitrofa a porta Maggiore divenne in seguito proprietà della famiglia dei Varii, imparentati con la dinastia dei Severi (horti Variani).
Dagli inizi del III secolo d.C., con l’elezione a imperatore di Sesto Vario Avito Bassiano che regnò col nome di Elagabalo (218-222 d.C.), gli horti Variani entrarono a far parte del demanio imperiale. Elagabalo modificò la villa dei Varii trasformandola in una nuova residenza imperiale, strutturata in nuclei monumentali collegati tra loro da un atrio (attuale basilica di Santa Croce) e da corridoi articolati all’interno di un vasto parco. Della villa facevano parte l’anfiteatro Castrense e il circo Variano, strutture utilizzate per giochi e corse di carri a uso esclusivo della corte imperiale, mentre le terme Eleniane, edificate da Alessandro Severo (222-235 d.C.), erano probabilmente destinate alla pubblica fruizione. La costruzione del circo fu probabilmente iniziata da Caracalla (212-217 d.C.), particolarmente appassionato di corse di carri. La lunghezza originaria, superiore a quella del circo Massimo (ca. m 640), determinata grazie al rinvenimento nel 2014 di una porzione della torre occidentale che affiancava le cabine di partenza, fu poi ridotta da Elagabalo durante la realizzazione della sua residenza.
L’estensione di questa dimora imperiale fu poi ridimensionata dalla costruzione delle mura Aureliane (271-275 d.C.) che sacrificarono il circo e inglobarono l’anfiteatro e la parte residenziale.
Con Costantino (306-337 d.C.) la villa conobbe una nuova fase di splendore: fu trasformata in un complesso polifunzionale, noto come palazzo Sessoriano (che significa luogo di soggiorno imperiale), protetto su tre lati dalle mura, e costituito da una parte pubblica (di cui faceva parte la basilica civile nota come “tempio di Venere e Cupido”), una destinata agli alloggi della corte (le domus lungo le mura e la domus rinvenuta nel comprensorio ACEA, costruite in precedenza ma riutilizzate e modificate in questo periodo) e un settore privato riservato all’imperatore. Fulcro del palazzo era la basilica civile, costituita da un grande ambiente di forma rettangolare, di cui rimane soltanto il muro di fondo con al centro la monumentale abside. L’aula basilicale, presente in tutte le residenze imperiali dell’epoca, era destinata alle varie attività dell’imperatore, che qui era solito dare udienze e convocare consigli di stato. La sala, che oggi presenta una muratura a vista in laterizio, era riccamente decorata con marmi policromi e materiali di pregio ed è stata oggetto di una ricostruzione multimediale scaricabile in situ. L’antico atrio della villa severiana fu adattato a cappella Palatina dedicata al culto della croce di Cristo, per volere dell’imperatrice Elena. Il nuovo palazzo doveva essere un vasto complesso polifunzionale esteso su una superficie di circa 122.500 mq, una sorta di enclave incastonata nell’angolo sud-orientale delle mura Aureliane.
Negli anni successivi, mentre il centro della vita politica e imperiale si era ormai trasferito a Costantinopoli, la zona di Santa Croce seguì una sorte simile a quella di altre parti della città, venendo progressivamente abbandonata e destinata a colture. Mentre il palazzo e gli edifici pubblici e privati andarono lentamente in rovina, la chiesa continuò ad esistere, divenendo meta di pellegrinaggi e importante centro vitale, intorno al quale si sviluppò una fiorente comunità religiosa.

Informazioni utili

Dove siamo
Roma, piazza Santa Croce in Gerusalemme, 1 

Come arrivare
Metro: Linea A fermata San Giovanni o Manzoni
Bus: Linee 571 e 649
Tram: Linea 3 fermata Viale Carlo Felice

Calendario di aperture
I e III sabato del mese
Visite guidate alle ore 9.00 e alle ore 11.30 per i gruppi
Visite guidate alle ore 10.15 per i singoli

Prenotazioni
Il sito è accessibile con visita guidata con prenotazione obbligatoria www.coopculture.it Tel. +39 06 39967700

Per approfondimenti
E' disponibile l'App Archeo360 realizzata per il comprensorio archeologico di Santa Croce in Gerusalemme che permette di visualizzare elementi architettonici utilizzando fotografie composite/rendering a 360°. L'app consente di 'vedere' la ricostruzione tridimensionale del Tempio di Venere e Cupido. L'immagine visualizzata può essere riprodotta automaticamente in modalità 360° seguendo il movimento dello smartphone (dx, sx, su e giù).



Il download delle immagini avviene dopo la lettura di un codice QR. Le immagini sono automaticamente salvate sullo smartphone dopo il primo download.

Responsabile
Dottoressa Anna De Santis
Soprintendenza Speciale Archeologia
Belle Arti e Paesaggio di Roma

Piazza dei Cinquecento, 67 - Roma

Copyright 2016 - 2018
Ministero per i beni e le attività culturali

Crediti >