Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
oppure su OK per continuare la navigazione
 
02/10/2018
Villa di Livia accoglie "Il ritorno del Paradiso"
Il giardino delle meraviglie che decorava Villa di Livia torna ad impreziosire l’area archeologica in una rielaborazione dell’artista spagnolo Santiago Ydáñez. L’affresco, asportato nel 1963 e custodito presso il Museo Nazionale Romano, è la base di partenza dell’importante lavoro estetico e di ricerca dell’artista, concepito durante il suo soggiorno presso l’Accademia di Spagna a Roma negli anni 2016/2017.

Santiago Ydáñez ha rielaborato l’affresco che decorava la residenza della moglie di Augusto a Prima Porta sovrapponendo diverse chiavi di lettura ed elementi autobiografici ai temi tipicamente romani.

Un progetto unico realizzato dalla Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma insieme all’Accademia di Spagna a Roma che impreziosirà ulteriormente l’affascinante area archeologica della Villa di Livia, un luogo dove natura  e storia si fondono in una paradisiaca dimensione da scoprire.

Quando: dal 27 settembre 2018
Dove: via Villa di Livia, 125 – 00188 Roma
Orari:
Dal 1 aprile al 31 ottobre aperture il Giovedì e Venerdì dalle 9.30 alle 13.30;
il primo, il terzo e l'eventuale quinto sabato del mese dalle 9.30 alle 13.30;
la prima, la terza e l'eventuale quinta domenica del mese dalle 9.30 alle 18.30;
 
Dal 1 novembre al 31 marzo aperture il Giovedì e Venerdì dalle 9.30 alle 13.30;
il primo, il terzo e l'eventuale quinto sabato del mese dalle 9.30 alle 13.30;
la prima, la terza e l'eventuale quinta domenica del mese dalle 9.30 alle 16.30.
(Ingressi consentiti entro un’ora prima della chiusura)

Per una migliore organizzazione dei flussi dei visitatori e dei gruppi si consiglia di telefonare al numero +39 06 33626826
Soprintendenza Speciale Archeologia
Belle Arti e Paesaggio di Roma

Piazza dei Cinquecento, 67 - Roma

Copyright 2016 - 2018
Ministero per i beni e le attività culturali

Crediti >