Ita/Eng/Gre/Fra/Deu
Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti clicca su +Info per saperne di più o negare il consenso
oppure su OK per continuare la navigazione
 
18/10/2019
Tempio di Minerva Medica, apertura straordinaria il 18 ottobre

Elemento architettonico ‘iconico’ dell’Esquilino, il cosiddetto Tempio di Minerva Medica sarà aperto al pubblico venerdì 18 ottobre 2019 attraverso visite guidate gratuite con prenotazione obbligatoria.
La Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma promuove l’iniziativa per consentire al pubblico di conoscere il monumentale sito di via Giolitti che si erge in un quartiere dalle grandi potenzialità come ha evidenziato il Soprintendente Speciale ad interim Daniela Porro che punta a rafforzare i segmenti culturali della città andando oltre il centro storico.
Con le sue leggere eppure altissime pareti, le ampie aperture verso l’esterno, una cupola di grandezza straordinaria (è la terza per ampiezza nella Roma antica, dopo quella del Pantheon e delle Terme di Caracalla), il cosiddetto Tempio di Minerva Medica rappresenta un esperimento architettonico che anticipa forme e articolazioni sviluppate nei secoli successivi.
Il sito sarà aperto dalle ore 9.00 e chiuderà alle ore 17. Nell’arco della giornata si susseguiranno le visite guidate a cura dell’archeologa Simona Morretta e dell’architetto Alessandra Centroni della Soprintendenza Speciale di Roma a partire dalle ore 9.10. L’ultimo ingresso è alle ore 16.10.
Le visite guidate gratuite sono con prenotazione obbligatoria, per massimo 30 partecipanti per turno, al numero di Coopculture +39 06 399 67 702 (Orario di servizio del centralino dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00).
Si consiglia di raggiungere i cancelli di accesso almeno 10 minuti prima della visita prenotata. L’accesso è possibile anche alle persone diversamente abili.
Soprintendenza Speciale Archeologia
Belle Arti e Paesaggio di Roma

Piazza dei Cinquecento, 67 - Roma

Copyright 2016 - 2018
Ministero per i beni e le attività culturali

Crediti >